In che posizione bisogna dormire

Dormire bene e avere un sonno che rigeneri è molto importante per una vita lunga e sana. Ma la qualità del riposo notturno dipende non solo dalla sua durata, ma anche dalla posizione in cui si dorme. Potrebbe sembrare che in una certa posizione il nostro corpo ottenga il massimo rilassamento e riposo, però il giorno dopo al risveglio si manifestano i segni della stanchezza e del malessere. Ciò significa che la posizione scelta per dormire non è adatta al vostro organismo.

Tipi e particolarità

I medici sostengono che scegliendo la posizione per dormire bisogna prendere in considerazione le proprie malattie croniche e altri disturbi relativi alla salute.Luomo giace in modo diverso sul letto

Vediamo le particolarità di ogni posizione, i loro vantaggi e svantaggi.

Nome della posizione

Particolarità

Indicazioni

Vantaggi

Svantaggi

Posizione sulla schiena    

La colonna vertebrale si rilassa completamente, il carico su di essa viene distribuito uniformemente, la pressione sugli organi interni è minima, i muscoli del viso sono rilassati

Questa posizione è adatta a chi soffre dalle malattie del sistema cardiovascolare e respiratorio.

La posizione consente di togliere completamente la pressione dal sistema muscolo-scheletrico, la pelle del viso diventa più liscia prevenendo in questo modo le rughe precoci sul viso, si mantiene la forma naturale del seno per le donne, per gli uomini invece viene stimolato il sistema endocrino.

Questa posizione non è assolutamente adatta a chi soffre dalla roncopatia oppure dal sindrome delle apnee nel sonno. Potrebbe avere effetti negativi anche se si usa il cuscino troppo alto o troppo basso poiché in questo caso provoca la compressione di arterie vertebrali e di conseguenza i disturbi della circolazione sanguigna.

Sul fianco destro

In questa posizione è possibile togliere al massimo la pressione dal sistema muscolo-scheletrico e dal sistema digerente.

È una posizione perfetta per coloro che soffrono della malattia da reflusso gastroesofageo poiché previene il reflusso del contenuto dello stomaco nell’esofago. Inoltre toglie efficacemente la pressione esercitata sulla colonna vertebrale.

Favorisce il rilassamento dei muscoli e della colonna vertebrale, riduce la secrezione acida, adatta alle persone che russano durante il sonno poiché previene il restringimento delle vie respiratorie. 

Non è una posizione ideale per coloro che hanno le malattie del fegato perché l’organo viene schiacciato durante il sonno disturbando in questo modo la circolazione sanguigna. Questa posizione potrebbe provocare l’osteocondrosi e lo spostamento dei dischi intervertebrali, se dormire su un cuscino scomodo perciò bisogna sceglierlo scrupolosamente. La posizione inoltre potrebbe provocare le rughe precoci e la formazione di occhiaie.

Sul fianco sinistro

Quelli che dormono in questo modo hanno tutti gli organi vitali protetti. Questa posizione viene considerata più corretta da un punto di vista fisiologico.

I ginecologi consigliano proprio questa posizione alle donne incinte per il riposo.

Se si dorme in questa posizione la pressione sulla colonna vertebrale viene distribuita uniformemente, la circolazione sanguigna non è disturbata, gli organi interni non sono schiacciati.

Anche le posizioni più comode possono risultare pericolose per la salute se sono state scelte gli accessori sbagliati. Bisogna scegliere con tanta cura e attenzione un cuscino e un materasso per evitare che la posizione provochi le malattie del sistema muscolo-scheletrico.

Posizione fetale

Secondo gli psicologi noi dormiamo nella posizione fetale quando abbiamo bisogno di sostegno e protezione nei periodi difficili della vita

La posizione è adatta alle persone che hanno bisogno di rilassare e rinforzare il proprio sistema nervoso, risolvere i problemi psicologici.

Non sottocarica l’apparato digestivo, permette al corpo di conservare il calore, non ostacolando allo stesso tempo il flusso d’aria.

Questa posizione è sconsigliata alle persone che soffrono dalle malattie del sistema muscolo-scheletrico, poiché prevede la permanenza della colonna vertebrale in uno stato disteso per un periodo abbastanza lungo, che influisce negativamente lo stato dei dischi intervertebrali.   

Posizione “Stella di mare”

Le posizioni in cui dormite possono dire tanto sulla vostra visione della vita e sulla vostra personalità. Coloro che scelgono di dormire nella posizione “stella di mare” sono sicuri di se stessi, amano avere la situazione in mano.

Questa posizione è indicata alle persone che soffrono di vene varicose (insieme ad un rullo sotto i piedi), o delle malattie di vie respiratorie.

Diminuisce la pressione sul sistema muscolo-scheletrico, aiuta a rilassarsi e liberarsi dalla pressione sugli organi interni.

Non è considerata una posizione molto sana perché tenere le braccia piegate comporta disturbi circolatori e la compressione del tendine sulla spalla.

A pancia in giù

Quando i bambini soffrono di coliche i dottori consigliano alle mamme di metterli in questa posizione.

È indicata alle persone che soffrono di flatulenza ed è anche adatta alle donne dopo il parto perché favorisce le contrazioni dell’utero

Aiuta a sentirsi meglio quando si soffre di flatulenza

I medici sconsigliano vivamente di dormire in questa posizione se non ci sono delle indicazioni particolari. La posizione comporta la chiusura delle arterie vertebrali, la colonna vertebrale rimane in una posizione non naturale, che causa la mancanza di ossigeno al cervello, un aumento della pressione sugli organi interni e sul diaframma, viene disturbata la circolazione sanguigna in tutto il corpo comportando in questo modo l’intorpidimento degli arti. 

Le posizioni migliori

Il riposo notturno corretto è essenziale per la salute. Altrimenti si manifestano i problemi respiratori, i dolori alla schiena e al collo, la roncopatia, i problemi con la circolazione sanguigna. Ci troviamo in uno stato emotivo e depresso e sentiamo la stanchezza continua. Che posizione scegliere per dormire — ognuno decide per sé e ci vuole tempo per farlo. È necessario un periodo di tempo per far abituare il proprio corpo alla posizione adatta. Si consiglia di riposare in questo modo:

  • Sulla schiena. Quando ci mettiamo in questo modo facciamo rilassarsi completamente tutti i muscoli. La tensione sparisce, gli organi interni non sono scacciati. L’unico svantaggio è che esiste il rischio della roncopatia. Si sconsiglia di riposare in questa posizione se si ha dei problemi respiratori oppure la bronchite.
  • Sul fianco sinistro. In questo caso gli organi vitali sono ben protetti. L’unica fonte di pressione potrebbe essere esercitata sul cuore. La colonna vertebrale è rilassata, la circolazione sanguigna non è disturbata.
  • La posizione “Stella di mare”. Questa posizione potrebbe raccontare tanto della personalità. In questo modo dormono le persone sicure di sé che amano tenere tutto sotto controllo. L’unico svantaggio di questa posizione è che viene disturbata la circolazione sanguigna nella spalla a causa del piegamento delle braccia.

È importante ricordare che meglio dormire con una persona a cui vuoi bene e che dormendo lontani l’uno dall’altro il legame fisico ed emotivo diventa più debole il che fa male ai rapporti di famiglia. Tuttavia non bisogna scordare anche della comodità. 

Le posizioni in cui si sconsiglia di dormire

Due posture in cui non dovresti dormireAdesso andiamo a scoprire come non si deve dormire. Le posizioni riportate di seguito fanno male alla salute dell’uomo. Si sconsiglia di riposare:

  • A pancia in giu. Questa posizione è particolarmente pericolosa per l’uomo ed è controindicata quasi a tutti, soprattutto dopo i 45 anni quando il rischio di provocare l’ictus è più elevato. Posizionandosi sulla pancia, vengono scacciati gli organi interni, causando in questo modo i problemi legati agli organi riproduttivi. Coricarsi a faccia in giù comprime particolarmente il volto creando le rughe profonde.
  • In posizione seduta. In questo caso si aumenta la pressione sui dischi intervertebrali, causando il dolore e l’edema nella schiena, e di conseguenza, l’osteocondrosi.

È importante sapere! La posizione fetale è anche adatta per dormire perché aiuta ad ottenere comfort psicologico. Tuttavia, essa favorisce lo sviluppo dei disturbi dell’apparato locomotore.

In aggiunta

Scegliendo la posizione in cui volete dormire non dimenticate dell’organizzazione della propria zona di riposo. Solo il materasso e il cuscino ortopedici possono garantirvi un riposo notturno sano e confortevole. Non optate per un materasso troppo rigido o troppo morbido se non per motivi medici. Il materasso medio-rigido con il supporto della colonna vertebrale è una scelta ottimale.

Se non vi piace dormire sul cuscino optate per il rullo, che dovrebbe essere posizionato sotto il collo per allineare tutte le sezioni della colonna vertebrale e distribuire la pressione su di essa in modo uniforme.Come mettere i cuscini quando si dorme

Inoltre, bisogna prendere in considerazione i seguenti consigli:

  • Per dormire sulla schiena acquisite due rulli medi-rigidi: per mettere uno sotto la parte bassa della schiena e l’altro, invece, sotto le gambe.
  • Per dormire sul fianco prendete un altro cuscino e mettetelo tre le gambe per migliorare la circolazione sanguigna.
  • A prescindere dalla posizione scelta cercate di non mettere le braccia sotto il cuscino e non tenerle sopra il livello della testa per evitare l’intorpidimento degli arti.
  • Se avete la sensazione che di notte avete freddo alla testa — copritela, anche con una fascia di lana, così potete proteggervi dal raffreddore, dalla sinusite e dalle altre malattie.
  • Non vi scoraggiate se non riuscite a dormire nella posizione più adatta a voi. È difficile abituarsi da subito perciò datevi un po di tempo e fra qualche giorno la nuova posizione diventerà confortevole.
Autore dell'articolo
Sofia Moretti

Ciao! Mi chiamo Sofia, sono una consulente professionale sui problemi del sonno. Se avete delle domande, scrivetele nei commenti oppure direttamente sui social. Cercherò di rispondere a tutti!

Articoli correlati